13 gennaio 2006 

Partono I Saldi Invernali, Dureranno fino al 24 Febbraio

Dal 14 di Gennaio, fino al 24 febbraio, via ai saldi invernali. Si inizia all’insegna del “dubbio” da parte dei consumatori dopo una decina di giorni di vendite mascherate da promozioni e sconti.

Partono così in via ufficiale le sei settimane di convenienza per i 12 mila negozi di abbigliamento e calzature di Roma, si potrà acquistare anche di domenica e la spesa totale prevista per i romani è di 200 milioni, 310 euro a famiglia.

Il vero punto critico delle svendite invernali resta quello dei saldi anticipati, un aspetto che riaccende la polemica tra categoria e istituzioni, l’ultima proposta arriva dall’ex assessore regionale al commercio Francesco Saponaro. Secondo Saponaro regole e sanzioni non sono bastate per combattere i furbi, l'idea è quella di liberalizzare il periodo dei saldi che vorrebbe dire tutelare i consumatori. La legge 33 non regge più - continua Saponaro - bisogna lasciare spazio alla fiducia tra commercianti e chi acquista.

E a proposito di legge dal prossimo anno si avranno i primi cambiamenti, dal 2007 si inzierà il 20 del mese anzichè il 14, i saldi dureranno sempre sei settimane ma saranno introdotti quattro “shopping day”, giorni scelti dal comune dove le norme sulle vendite straordinarie saranno sospese e il commerciante potrà liberamente scegliere quale sconto applicare senza nessuna comunicazione amministrativa.E se le vendite nell’ultimo periodo natalizio non sono state favorevoli per operatori e commercianti con un -5% nel settore dell’abbigliamento e -9% in quello delle calzature, le vendite a partire da domani potrebbero portare una nuova boccata d’ossigeno ai commercianti. A patto che i romani siano disposti a fidarsi…

 

Lo Sportello Anti Usura: Per Combattere Gli Strozzini Nella Regione Lazio

Il Lazio detiene il primato per il reato d’usura. Negli ultimi tre anni, secondo l’associazione Codici il centro per i diritti del cittadino, sono state 130 mila le vittime di strozzini.

Per far fronte alla piega dell’usura il Comune di Roma sta mettendo in campo gli sportelli anti-usura: sono tre quelli già esistenti sul territorio: Cinecittà, Centocelle e Ostia, altri 2 verranno aperti nei prossimi mesi; uno al Quartaccio e uno per iniziativa della comunità ebraica a Roma centro.
Chi è rimasto vittima di strozzini può chiedere aiuto agli operatori specializzati degli sportelli che oltre a dare un aiuto psicologico consigliano come comportarsi per denunciare i taglieggiatori.

Per rendere sempre più ricettivi gli sportelli stamane la firma di un protocollo d’intesa tra lo sportello antiusura del litorale romano e la Cgil Roma ovest.

 

Le Antenne di Montemario Sorvegliate Speciali, Monitoraggio Sugli Effetti Delle Onde Elettromagnetiche

Un atto di precauzione, l’indagine disposta dalla regione sulle antenne di Monte Mario sarà il primo documento sanitario e ambientale su un’area considerata a rischio elettrosmog per la presenza di ripetitori televisivi.

Se ne occuperà l’osservatorio epidemiologico della regione che controllerà le cartelle sanitarie dal 1995 ad oggi, il campione esaminato riguarda 400mila romani, mai un’indagine era stata programmata su tutta la popolazione residente tra Balduina, piazzale degli Eroi e piazzale de Bosis. I municipi coinvolti sono il XVII, XVIII e XIX.

I tecnici cercheranno soprattutto brutti mali che potrebbero essere legati alle emissioni radio fuori norma, quindi soprattutto leucemie e tumori cerebrali. Uno studio su 10 anni di ricoveri e decessi fornirà poi l’incidenza di queste malattie, zona per zona.
Poi verranno tratte conclusioni confrontando il dato nazionale con quello che emerge per la zona di Monte Mario.

Non esiste ancora uno studio definitivo sulla nocività delle onde elettromagnetiche sulla salute, la legge ha comunque fissato in via cautelativa un massimale di emissione a 6 voltimetro, parametri che spesso sono superati da ripetitori di telefonia e televisivi posizionati vicino a case e scuole.

Continua la protesta alla storta dei genitori e degli alunni della scuola media Amaldi, ieri più di 300 alunni non sono entrati in classe, il motivo l’installazione di una antenna di telefonia vicino all’istituto. anche in questo caso i comitati dei cittadini di Roma nord chiedono interventi preventivi prima che sia troppo tardi.A Cesano, la zona irraggiata dai ripetitori di Radio Vaticana i residenti denunciano altri decessi e casi di leucemia infantile. A giugno saranno pronti i risultati di un altro studio all’esame dell’osservatorio della Regione.

11 gennaio 2006 

Per 5 Anni Con il Papà Latitante, ora Potranno Riabbracciare la Mamma. Estradato in Italia Raffaele Casamonica

Hanno 8 e 11 anni e pensavano che la mamma fosse morta, così gli aveva detto il papà, Raffaele Casamonica di 33 anni dopo averli portati con sé a Praga nel 2001. I bimbi non sono mai andati a scuola, hanno vissuto senza un punto di riferimento, da 5 anni in giro per l’Europa dell’est con il papà latitante.

Sono tornati nel pomeriggio a Fiumicino, ad accoglierli un gruppo di psicologi che li hanno avvertiti che la loro mamma è ancora viva, la vedranno probabilmente domani o quando si sentiranno pronti per incontrarla.
Dopo tre anni di indagini Raffaele Casaminca è stato rintracciato, ricercato dal 2001 per usura ed estorizione è scattato subito il mandato di cattura europeo, le autorità lo hanno arrestato e poi hanno consegnato i minori all’ambasciata italiana a Praga. I bimbi poi sono stati imbarcati su un volo arrivato a Fiumicino nel primo pomeriggio.

Una storia lunga che inizia nel 95’ quando una ragazza di 22 anni si innamora di Raffaele Casamonica, i due hanno due figli poi nascono i primi problemi e nel 98 si separano. la donna, considerata estranea al clan dei Casamonica, intraprende una lunga azione giudiziaria ottenendo l’affidamento dei figli. ma la famiglia con violenze e intimidazioni riesce a sottrarre i bimbi alla madre.Nel 2001 i bambini scompaiono e la mamma, in continuo contatto con la squadra mobile di Roma, fornisce informazione importanti per le ricerche di Raffaele Casamonica. dopo tentativi in Italia tra Chieti e pPescara, finalmente arriva la comunicazione da Praga del fermo dell’uomo. resta comunque la ha paura da parte della donna che intimidazioni e minacce si ripetano, per questo sarà tutelata dalla polizia e seguita da psicologi in attesa che possa riabbracciare i suoi due figli.

10 gennaio 2006 

Influenza Aviaria: I Medici Rassicurano, il Fenomeno è Stato Gonfiato dai Media

Dopo i casi di morte in Turchia, anche il Lazio si prepara per affrontare l’influenza aviaria. da ottobre la regione ha definito controlli e prescrizioni per gli allevamenti industriali, mentre si riunirà domani il tavolo tecnico istituito dalla Giunta Regionale per fare il punto sulle misure adottate e su quelle da adottare nel caso in cui l’emergenza arrivasse anche da noi.

Intanto nelle Asl romane si moltiplicano i corsi di aggiornamento sulla temuta influenza causata dal virus h5n1. Si è svolto ieri quello organizzato dalla Asl Rm H. Quattrocento circa gli iscritti tra medici, veterinari e tecnici addetti alle ispezioni nei luoghi a rischio.

Nel frattempo cresce la mobilitazione: l’Unione Europea ha già bloccato l’importazione di piume dai paesi vicini alla Turchia, il governo italiano ha istituito un’unità di crisi e entro 3 giorni distribuirà un vademecum ai passeggeri dei voli diretti in Turchia. Il ministro della salute storace chiede alla unione europea di certificare la provenienza delle carni bianche mentre sono in arrivo 4 milioni di dosi di antivirali.
c’è allerta anche nell’ospedale specializzato in malattie infettive Spallanzani pronto ad affrontare il virus con tecniche e apparecchiature d’avanguardia come barelle isolatore, ambulanze ad alto isolamento, dispositivi di protezione individuale.
Ora che il virus è arrivato alle porte dell'Europa, però, si teme
che, prima o poi, un caso di contagio umano da influenzaaviaria avvenga anche in Italia. ma a fronte di questo allarme i medici raccomandano di non drammatizzare.

 

Piromane per Vendetta, 52enne Arrestata a Garbatella in via Pullino

Insospettabile, incensurata e piromane non per caso. la notte scorsa una 52enne residente alla Garbatella ha dato fuoco a diverse moto in via Pullino di fronte alla stazione della metropolitana, secondo il racconto di alcuni testimoni la donna avrebbe incendiato una moto di fronte ad una filiale della banca di Roma, lo stesso proprietario aveva subito un altro incendio pochi giorni fa.

Poi le fiamme hanno attaccato altri veicoli intorno, 8 in tutto. l’incendio si è poi esteso ad un albero e il fuoco ha lambito l’edificio. Paura per chi vive nello stabile, nella notte l’intervento dei Vigili del Fuoco.
Una gazzella del Nucleo Radiomobile dei Carabinieri appena giunta sul posto ha colto la donna, a spasso col cane, mentre a pochi metri dal primo rogo dava fuoco ad un altro motorino.
E’ stata arrestata e condotta al carcere di Rebibbia a disposizione del magistrato.
Questa mattina brutta sorpresa per chi ha visto il proprio mezzo distrutto. La donna, residente in via Pullino e che gestisce col marito un bar alla Garbatella potrebbe aver agito per vendetta nei confronti di uno dei proprietari dei mezzi. Ora i Carabineiri stanno verificando i motivi del gesto vandalico e altre eventuali responsabilità.




Powered by Blogger
and Blogger Templates
Blog-Show la vetrina italiana dei blog!

Hit Counter
Hit Counter
BlogItalia.it - La directory italiana dei blog Directory Digtec TuTToGuide.net Sono membro della AM Blog directory OBSEXION.COM Visibilmedia 
web
The Safe city