24 marzo 2006 

Ultimo Giorno di Targhe Alterne: Fioccano le Multe

Ieri alle 21 è andato in soffita almeno per 8 mesi le il provvedimento delle targhe alterne.
La misura riprenderà non prima del mese di gennaio 2007, il bilancio di ieri è stato negativo: nonostante lo stop imposto alle auto con ultimo numero di targa dispari dalle 15 alle 21 la riduzione del traffico è stata minore del solito, poco piu’ dell’11 %.

Non solo ma è cresciuto il numero degli automobilisti che ha contravvenuto al divieto, circa il 30% delle auto che dovevano restare ferme ha circolato nonostante il blocco.

La pioggia caduta ieri in maniera abbondante ha forse indotto moltim romani a rischiare la multa piuttosto che ricorrere ai mezzi pubblici, ma piu’ in generale c’e’ da rilevare che i 10 giovedi’ a targhe alterne hanno dimostrato che la misura e’ in grado di risolvere ben poco il problema dell’inquinamento atmosferico.

In media infatti il traffico è sceso del 14%, a fronte dei disagi subiti dai cittadini , in considerazione anche dello stop prolungato fino alle 21, e non fino alle 18 come l’anno scorso.

22 marzo 2006 

Approvato in Consiglio Comunale il Nuovo Piano Regolatore

Una maratona durata 14 ore fino a notte fonda, alla fine il quinto piano regolatore della storia di roma è stato approvato dal consiglio comunale.

Lo strumento urbanistico che traccia il futuro della città seguirà gli schemi gia’ indicati nei progetti del 2003 della giunta Rutelli.

Sono cinque i punti fondamentali, in primis la tutela del verde con più di due terzi del territorio comunale che diventano non edificabili. Poi l’ampliamento della città storica fuori dalle mura aureliane, lo sviluppo del trasporto su ferro, la valorizzazione delle periferie, miglioramenti sul problema delle case apertura della metropoli al suo hinterland.

VERDE PUBBLICO
Il nuovo piano prevede la tutela e il vincolo di 87.700 ettari di superficie: in pratica due terzi del territorio comunale risultano inedificabili. Il piano raddoppia le dotazioni di verde pubblico, con l'obiettivo finale di 7.900 ettari e uno standard teorico medio di 23,7 metri quadrati di verde per abitante.

TUTELA STORICA
Nasce il nuovo concetto di Città storica, che passa da 1.500 a circa 7.000 ettari di tutela. Oltre al territorio all'interno delle Mura Aureliane, comprende anche gli edifici progettati dai grandi architetti del Ventennio all'Eur, gli insediamenti di Ostia, il Flaminio.

POLICENTRISMO
Il nuovo piano individua 18 nuove centralità urbane, disseminate in tutta la periferia della Capitale. Tra queste, otto hanno già una pianificazione definita: Eur Sud-Castellaccio, Pietralata, Ostiense, Polo tecnologico della Tiburtina, Tor Vergata, Bufalotta, Ponte di Nona-Lunghezza, Alitalia-Magliana.

CURA DEL FERRO
Nel giro di 15 anni la metropolitana crescerà del 400 per cento, passando da 36 a 129 chilometri e da 106 a 132 stazioni. L'investimento complessivo è di 15 miliardi.

AREA METROPOLITANA
Il nuovo PRG mira ad aprire la città al suo hinterland, posizionando funzioni importanti fuori dai confini comunali e avviando un lavoro di pianificazione con alcuni comuni limitrofi come Tivoli, Guidonia, Ciampino, Pomezia, Fiumicino, Frascati.

Il momento storico è arrivato in nottata dopo 3 anni di lavori nell’aula giulio cesare e una gigantesca mole di osservazioni fatte dai municipi, associazioni e comitati cittadini.
Il piano è passato con il voto favorevole di tutto il centrosinistra, contrari invece alleanza nazionale, forza italia e udc che comunque non hanno fatto ostruzioniso la manovra dovrà ora passare al vaglio della giunta regionale. Bisognerà aspettare altri 6 mesi per rendere esecutivo il nuovo piano della capitale…

Romano

21 marzo 2006 

La Notte Bianca delle Università: Sapienza, Tor Vergata e Roma Tre Aprono Alla Notte

Questa volta non saranno gli esami a tenere svegli gli studenti universitari, la notte.. sarà bianca lo stesso ma solo per accompagnare l’ingresso della primavera.
A partire dalle 20.30 le università “La Sapienza”, “Tor Vergata” e “Roma Tre” apriranno le porte a studenti e cittadini per vivere una notte di lezioni, spettacoli e concerti.
Alla sapienza la notte bianca sarà ospitata nella facoltà di giurisprudenza e di scienze statistiche.
La kermesse inizierà con una riflessione sul tema della “la notte dei tempi” e proseguirà con una serie di spettacoli e concerti tra cui quelli di Eugenio Finardi e Steve Martland band.

L’università di tor vergata si organizza al teatro tor bella monaca, si inizierà con la lezione “pleniluni da saffo a leopardi” per proseguire con il concerto di Massimo Nunzi.

Nella facoltà di lettere e filosofia dell’università roma tre studenti e professori discuteranno della simbologia della notte, la manifestazione sarà poi scandita dalle note dei tet de buà e dal coro polifonico dell’ateneo.

Ma questi sono solo alcuni degli appuntamenti a cui sono chiamati a partecipare gli studenti. La notte bianca delle università romane sarà ricca di interventi, letture e performance.. da Marco Baliani a Cosimo Cinieri fino ad arrivare a Edoardo Albinati e Filippo Timi.
I riflettori saranno puntati anche sugli studenti che potranno presentare le proprie produzioni artistiche. Negli atenei saranno allestite anche biblio-librerie, spazi per l'acquisto e il prestito di libri gestiti dalle Biblioteche di Roma e spazi del mercato equo e solidale. il programma della notte può essere visionato su internet agli indirizzi di ogni songola università oppure sul sito www.universitàdellanotte.it

Helga

20 marzo 2006 

Spionaggio Politico: Indagato L'ex Portavoce di Storace Accame

Nell'inchiesta romana il nome di Niccolò Accame si aggiuinge a quelli degli 007 Pierpaolo Pasqua e Gaspare Gallo, già arrestati nel quadro degli accertamenti della procura di Milano.

L'ex portavoce di Francesco Storace Accame è stato formalmente indagato dalla procura di Roma per lo spionaggio politico e la falsificazione delle firme di presentazione della lista Alternativa Sociale in occasione delle scorse elezioni regionali.

Le ipotesi di reato per il collaboratore di Storace quando era governatore del Lazio sono di concorso in violazione della legge elettorale e concorso in abusiva intrusione in un sistema informatico.

L'ex Ministro della Salute dimissionario Francesco Storace commenta "è un atto che almeno consentirà ad Accame di sapere qual'è il motivo per cui lo si accusa e di cosa. In giro ci sono troppi callunniatori che ne risponderanno in tribunale"

Una settimana fa Storace aveva querelato per diffamazione il quotidiano "La Stampa". L’ex ministro della Salute continua a sostenere la sua estraneità al caso di spionaggio politico nei confronti di concorrenti politici delle elezioni regionali 2005, Alessandra Musslini e Piero Marrazzo. Dagli interrogatori cominciano ad emergere i particolari del meccanismo investigativo: non solo pedinamenti e intercettazioni telefoniche per scoprire risovolti della vita privata di politici che avrebbero potuto rovinarne la reputazione. Avrebbero poi cercato invano di costruire un dossier per dimostrare che comitato elettorale di Marrazzo usava indebitamente le auto blu del Comune di Roma. Fino ad arrivare all’ideazione di un complotto a luci rosse.
Ora le indagini si concentrano sulla figura di Niccolò Accade che ha già dichairato di esser stato a conoscenza dello spionaggio, ma ha affermato anche di non averlo mai commissionato…

 

Rapina in Villa: 4 rumeni arrestati

La squadra mobile li aveva seguiti per giorni.
4 rumeni, una banda che preparava i colpi pedinando le vittime e scegliendo il momento adatto per la rapina.
Dopo le indagini, gli uomini della mobile hanno individuato un imprenditore come possibile oggetto del colpo in villa dei 4 rumeni.
E' scattato quindi il piano per cogliere sul fatto i banditi.

L’uomo, direttore di un ufficio della "Western Union" nella zona di boccea, ha ripetuto ogni sera i soliti gesti, rincasando verso le 8 di sera alla chiusura degli uffici.
La notte della rapina la polizia ha prima di tutto messo in sicurezza la famiglia della vittima, in una dependence della villa su via di Boccea. Appena l’imprenditore è arrivato nei pressi della sua abitazione i 4 banditi sono entrati nel giardino della villa.
Il loro piano era di aggreadire l’uomo per poi entrare in casa e immobilizzare tutti i componenti della famiglia, 6 adulti, tra loro i genitori dell’uomo, una donna in gravidanza e un bimbo di 3 anni.

I rumeni però non appena in giardino hanno trovato una dozzina di poliziotti a fermarli, hanno reagito e due di loro sono scappati in strada. I due fermati avevano addosso il materiale per portare a termine il colpo, pistole a salve, passamontagna e lacci di platica per legare le vittime.
Gli agenti della mobile hanno poi arresttao anche i due rapinatori in fuga, presi in un casolare a palmarola dove probabilemtne vivevano. per tutti l’accusa è di tentata rapina, tutti e 4 i rumeni sono clandestini e già controllati in passato per colpi in ville dalla polizia del nord italia.

Arshan




Powered by Blogger
and Blogger Templates
Blog-Show la vetrina italiana dei blog!

Hit Counter
Hit Counter
BlogItalia.it - La directory italiana dei blog Directory Digtec TuTToGuide.net Sono membro della AM Blog directory OBSEXION.COM Visibilmedia 
web
The Safe city