01 aprile 2006 

Ancora Piromani: 5 Auto in Fiamme nella Notte

Ad un mese esatto dall’ultimo rogo notturno in cui l’incendiario fu arrestato e rischio’ il linciaggio dei cittadini, la scorsa notte altri piromani sono tornati a colpire.

I roghi sono iniziati a mezzanotte in punto, a Torre Maura, dove due vetture sono state complatemente distrutte dalle fiamme. Le auto erano parcheggiate in via dell’aquila reale e in via delle Rondini. Un pesce d’aprile di cattivo gusto da parte degli incendiari che è continuato alle 2, è stata la volta del quartiere Torrino in via Aldo Pini, è toccato ad una Fiat Uno.
Poi alle tre altre due vetture incendiate a castel porziano e infine un auto e’ andata in fiamme al Gianicolense. Dopo l’ultimo arresto di un mese fa è ormai chiaro che il fenomeno piromani sia uno stupido gioco di emulazione.
Il bilancio ancora parziale fatto dal giugno dello scorso ha ormai oltrepassato le 400 unità creando. La caccia agli incendiari, da parte delle forze dell’ordine, continua…

31 marzo 2006 

Prenestino: Senza Tetto Muore Carbonizzato

Un fornelletto difettoso da cui è poi scaturito un incendio: sarebbe questa la causa della morte di un uomo, non ancora identificato, trovato nel cuore della notte carbonizzato all’interno della cella frigorifera di un furgone parcheggiato in via prenestina all’altezza del civico 74.

Probabilmente un senza fissa dimora, secondo gli inquirenti, che da qualche tempo aveva scelto quel furgone, ormai in disuso e non rubato come sospettato in precedenza.

Il fumo sprigionatosi dal fornelletto malfunzionante lo ha condotto all’asfissia prima che le fiamme lo avvolgessero completamente insieme con l’alloggio di fortuna e i pochi averi: qualche pentola, un materasso, delle scarpe e pochi abiti di cui resta ben poco. Un’altra vittima dell’emarginazione, dunque, l’ultima di un elenco che si allunga sempre di più: poco tempo fa, l’8 febbraio scorso, un altro barbone, di origine rumena, era stato trovato morto all’interno di una baracca in via furio cicogna nella zona di ponte mammolo: e poco importa che il killer, in quel caso, fosse una stufa.

Cariot

30 marzo 2006 

Un Anno dalla Morte di Papa Wojtyla. Domenica Cerimonia a Piazza S.Pietro

Cinquantamila, tante le persone attese a San Pietro per ricordare Papa Wojtyla, a un anno dalla morte. Decine e decine di fedeli, stando ai dati diffusi nei giorni scorsi sia dal Vaticano che dalle Forze dell'ordine riempiranno il colonnato dalla piazza e forse anche via della Conciliazione.

Il 1 Aprile, inoltre, si chiuderà la fase diocesana della causa di beatificazione dello stesso Giovanni Paolo II. Un altro passaggio delicato e molto atteso, che trasferirà alla Congregazione delle cause dei santi, presieduta dal cardinale Saraiva Martins, tutta la documentazione finora raccolta.

Questo il programma: domenica sera la veglia, a cui parteciperà anche Benedetto XVI. Tutti con gli occhi verso l'alto alle ore 21 in punto di domenica quando il nuovo papa si affaccierà alla finestra del suo studio e verrà recitato il Santo Rosario. Alle 21.37 circa, l'ora della morte di Giovanni Paolo II, il papa rivolgerà la sua parola ai fedeli presenti e concluderà la preghiera con la benedizione apostolica. Alle 22 la cerimonia si chiuderà, rimarranno comunque molti agenti a presidio della piazza in attesa dell'arrivo per il giorno successivo di altri pellegrini per la messa di lunedì alle 17.30

 

Spionaggio Politico: Storace Indagato

Francesco Storace è stato iscritto dalla procura di Roma nel registro degli indagati per accesso abusivo al sistema informatico e violazione della legge elettorale.

La vicenda è quella del tentativo di far escludere la lista alternativa sociale dalle elezioni regionali dello scorso aprile , grazie alla falsificazione delle firme presentate in calce alla formazione di Alessandra Mussolini.

I giudici hanno provato l’incursione negli archivi informatici della società della regione Laziomatica e anche la falsificazione delle firme, ad opera di detective privati che avevano accesso al palazzo di via Rosa Raimondi Garibaldi.

Ora le indagini, che devono risalire ai mandanti della mistificazione, coinvolgono Francesco Storace e il suo portavoce Niccolò Accame.
Indagini che si intrecciano con quelle sull’attività di spionaggio, realizzata sempre dagli stessi detective, ai danni di piero marrazzo e alessandra mussolini, allora avversari di Storace alla carica di governatore. La vicenda si tingeno di sfumature da giallo quando si ventilano contiguita’ tra il gruppo degli arrestati e i servizi segreti , ma anche di pasticciaccio all’italiana , quando si scopre la facilita’ con la quale gli spioni parlavano al telefono con amici e parenti dei loro loschi affari.

defo

29 marzo 2006 

Coca nella Cioccolata: Trafficante Arrestato a Fiumicino

La fantasia dei narcotrafficanti sembra non avere limiti… l’ultimo stratagemma escogitato per esportare la droga è quello di nasconderla nelle barrette di cioccolata.

La golosa trovata è di un cileno di 35 anni sbarcato da un volo proveniente da buenos aires all’aeroporto di fiumicino. All’interno delle tavolette, sotto il ricco strato di cacao, una sostanza pastosa ancora più ricca: 3kg di cocaina purissima dai quali si sarebbero ricavati 15 kg di coca da strada, per un valore di mercato di 2 milioni di euro.

Durante la perquisizione del bagaglio del cileno la guardia di finanza ha trovato una grande scorta di dolci assortiti. il narcotrafficante non si è perso d’animo e con tranquillità e naturalezza ha sostenuto che tutta quella cioccolata, specialità del suo paese, era un regalo per un suo lontano parente.

La giustificazione ovviamente non ha retto e il 35enne sudamericano è stato subito arrestato per traffico internazionale di droga e portato al carcere di civitavecchia.
L’operazione, ancora una volta, è il risultato della collaborazione tra la dogana e la guardia di finanza di fiumicino che, dall’inizio dell’anno, ha sequestrato 350 kg di stupefacenti. Senza dubbio quello di oggi è stato sorprendentemente il sequestro più amaro, almeno per il narcotrafficante.

PForte

28 marzo 2006 

La Maxitruffa dei Microchip: La Finanza Scopre un Giro Milionario

Computer, stampanti e attrezzature elettroniche. Una truffa allo stato che ammonta a 35 milioni di euro.

5 persone sono state denunciate per frode fiscale, tra cui 2 romani, compravano prodotti informatici nell’unione europea senza pagare l’iva e poi li rivendevano a prezzi competitivi nel mercato romano dell’informatica.

Il sistema utilizzato nella truffa e’ detto ”a carosello” e prevedeva la nascita di societa’ fantasma, itnermediarie create ad hoc ed intestate a prestanomi e con sedi inesistenti.

La legge europea prevede che l’iva sia versata allo stato dal primo acquirente importatore. società come la cashtronic con sede a roma acquistavano attrezzature informatiche dall’Olanda, dalla Germania e dalla Gran Bretagna senza mai pagare l’iva e poi le rivendevano a prezzi stracciati a societa’ italiane regolari.

Tramite l’analisi di banche dati italiane ed europee la guadia di finanza del comando provinciale di Roma, coordinata dal capitano Massimo Chiappetta, ha ricostruito la truffa. In 3 anni l’organizzazione ha venduto microchip, stampanti e materiale elettronico truffando lo stato per un totale di 35 milioni di euro.

27 marzo 2006 

Asilo Nido: al Via le Iscrizioni

Iscrizioni al via per gli asili nido: da questa mattina è possibile presentare la domanda per trovare un posto ai propri piccoli dai tre mesi ai tre anni nelle strutture per l’infanzia del comune.
Il modulo si scarica direttamente dal sito www.comune.roma.it e, debitamente compilata, deve essere consegnata entro il 27 aprile, ossia tra un mese, all’ufficio nidi del municipio di residenza dei genitori o dei nonni.
Possono essere iscritti al nido i bambini nati a partire dal primo gennaio '04 fino a coloro che nasceranno entro il 31/05 prossimo.

La graduatoria provvisoria terrà conto della situazione economica e familiare del bambino - oltre che di eventuali problemi dervanti da handicap – e verrà affissa nei municipi entro la fine di maggio.
Quella definitiva verrà stilata in seguito e pubblicata entro la fine di giugno.

Con le iscrizioni torna naturalmente d’attualità il problema legato all’insufficienza delle strutture: lo scorso anno le domande recepite dal comune sono state 14.000, i bimbi esclusi circa 9.000.un problema, chiamiamola pure una che negli ultimi anni l’amministrazione comunale ha arginato e che, secondo l’assessore per le politiche dell’infanzia, quest’anno dovrebbe finalmente far tornare la situazione entro canoni più presentabili, grazie al numero dei nidi, che in 5 anni sono quasi raddoppiati, le convenzioni con le strutture private e la creazione di 10 asili aziendali.




Powered by Blogger
and Blogger Templates
Blog-Show la vetrina italiana dei blog!

Hit Counter
Hit Counter
BlogItalia.it - La directory italiana dei blog Directory Digtec TuTToGuide.net Sono membro della AM Blog directory OBSEXION.COM Visibilmedia 
web
The Safe city