04 agosto 2006 

Chiuso per Ferie...

Corriere Romano va in vacanza e torna il 28 Agosto.

Un bacio a tutta la redazione di Roma Uno e a tutti i visitatori del sito.

Cià

Romano

01 agosto 2006 

La Salute dei Laghi. L'indagine di Legambiente

Un’indagine accurata per conoscere lo stato di salute dei laghi di roma, che risultano inquinati, anche se con differenze importanti. Si chiama Cigno Azzurro 2006 la campagna di monitoraggio di Legambiente che, sulla flasariga di quella che da piu’ di 20 anni fa sui mari, ha passato al setaccio le acqua lacustri.

E i risultati sono stati presentati in una conferenza a palazzo Valentini da Lorenzo Parlati, presidente di Legambiente, cristiana avenali direttrice di Legambiente Lazio e Rosa Rinaldi, vicepresidente della provincia con delega alla tutela ambientale.

Il lago di Bracciano, riserva idrica di acqua opotebile del comune di Roma, è quello con le acque migliori. Risulta infatti complessivamente non inquinato, fatta eccezione per la foce del fosso della Lobbram, dove e’ visibile uno scarico che getta reflui, e l’area a 100 metri sulla destra del pontile di Trevignano che risulta leggermente iqnuinata.

Leggermente inquinata anche l’acqua a nord est e nord ovest del lago di Martignano, mentre è positiva la situazione sulla spiaggia pubblica e lungo la strada comunale nel comune di Anguillara Sabazia. Terzo lago analizzato, il lago Albano nel comune di Castelgandolfo. Qui la situazione è di forte inquianmento soprattutto 200 metri a destra dell’emissario con un valore di streptococchi fecali ben 30 volte superiore ai limiti di legge.

Leggermente iqnuinata anche la spiaggia di fronte alla madonna del lago e sulla spiaggia libera 500 metri a destra dei ruderi della villa di Nerone. unica situazione positiva di non inquinamento quella 3 km a destra della cabiona pontificia e all’altezza dei ruderi.

Infine il lago di Nemi. Non inquinati i prelievi sulle banchine del lungolago e 2 km a destra del museo delle navi mentre è fortemente inquinata la zona al di sotto del centro abitato di nemi con un valore di coliformi fecali 15 volte sopra i limiti. Un dato sopredentente, ha spiegato legamebiente che necessita di ulteriori controlli, dal momento che le acque reflue del centro abitato sono collegate al depuratore consortile che serve anche genzano e nemi e quinaid non dovrebbero essere così compromesse.

In tutti gli altri casi l’inquinamento è di origine organica, con cause che vanno ricercae negli scarichi di case sparse e non collegate alla rete fognaria oppure in scarcvihi abusivi, come nel casdo del lago di bracciano. mentre permartignano la colpa va ricercata soprattutto nel dilavamento dei terreni agricoli. cause da debellare e per le quali molto decisamente rimane ancora da fare.




Powered by Blogger
and Blogger Templates
Blog-Show la vetrina italiana dei blog!

Hit Counter
Hit Counter
BlogItalia.it - La directory italiana dei blog Directory Digtec TuTToGuide.net Sono membro della AM Blog directory OBSEXION.COM Visibilmedia 
web
The Safe city