20 ottobre 2006 

Incidente Metro: Giornata di Lutto per Roma e la Festa del Cinema

Oggi per Roma è stato proclamato lutto cittadino, mentre a Pontecorvo si svolgeranno i funerali di Alessandra Lisi, la ricercatrice morta martedì nell’incidente della metropolitana a piazza vittorio.anche la festa del cinema si unisce al lutto, dalle 9 alle 17 annullati tutti gli eventi mondani e festosi. Niente musica quindi e niente passerelle, continueranno invece gli appuntamenti dedicati al cinema come proiezioni e incontri. Oggi ospite d’onore Harrison Ford, domani invece è atteso Robert de Niro.

19 ottobre 2006 

Incidente Metro A: Riaperta la Fermata Vittorio Emanuele

Piazza Vittorio Emanuele II due giorni dopo. A 48 ore dall’incidente nella metropolitana che è costato la vita ad una ragazza di 30 anni, tutto sembra essere tornato alla normalità. Nella giornata di ieri erano riprese le corse sull’intera linea A, ma i treni saltavano la fermata dove è avvenuto il tamponamento. Questa mattina, con la ripresa del servizio alle 5:30, è stata riaperta anche la stazione di piazza Vittorio.

Sul fronte delle indagini, il macchinista del treno che ha effettuato il tamponamento è stato iscritto nel registro degli indagati: un atto dovuto per permettere ad Angelo Tomei di nominare un consulente che lo rappresenti negli accertamenti tecnici disposti dal pubblico ministero.
Oggi verrà effettuata l’autopsia sul corpo di Alessandra Lisi, la ragazza di Pontecorvo deceduta nell’impatto. I funerali sono in programma per domani, giornata di lutto cittadino nella capitale. Qualcuno intanto ha lasciato un fiore all’ingresso della metro: il saluto di una ragazza ciociara come Alessandra.

17 ottobre 2006 

Incidente Metrò: Il Convoglio Sarebbe Passato col Rosso. "Via Libera al Macchinista"

Il convoglio che ha causato il disastro nella metropolitana di Roma sarebbe passato con il semaforo rosso, ma il macchinista avrebbe avuto l' ok direttamente dalla sala controllo che gestisce il traffico della metropolitana. E' quanto rivela la registrazione di una comunicazione intercorsa tra il macchinista ferito e il personale della sala. La registrazione è stata sequestrata dalla polizia.

La notizia, clamorosa, viene dall'Ansa. E spiegherebbe i molti misteri di questo disastro che poteva costare molto di più in termini di vite umane.

Secondo quanto registrato nella conversazione di questa mattina, in sostanza, il macchinista avrebbe rilevato "un notevole intasamento" del traffico delle metropolitane chiedendo se doveva fermarsi o proseguire il viaggio. A questo punto gli sarebbe stato risposto in gergo tecnico di "andare a vista", procedendo cioè ad una velocità moderata di massimo 15 chilometri orari passando eventualmente anche con il rosso ma, procedendo per "snellire il traffico".
Unica cautela in questa procedura - è stato fatto notare - è affidata alla massima attenzione del macchinista che aziona i freni in caso di improvviso pericolo.

La dinamica del disastro, infatti, è parsa subito molto strana. L'errore umano del macchinista è praticamente impossibile sui convogli moderni (e nuovissmi) come quello che si è schiantato contro l'altro treno fermo a Piazza Vittorio. Se anche il guidatore non avesse visto il rosso, o avesse avuto un malore, il treno si sarebbe fermato nel tempo di 6 secondi dalla partenza. Dunque, il macchinista Angelo Tomei (5 anni di esperienza, considerato molto affidabile) può essersi mosso solo volontariamente dopo aver ricevuto un input sbagliato e fuorviante come quello di cui alla registrazione.

 

Disastro in Metropolitana, 1 Morto e 140 Feriti nello Scontro tra Treni

Una donna è morta, ci sono cinque feriti gravi, 110 lievi e circa 20 in condizioni intermedie: ma Roma ha temuto il peggio ed è sotto choc per un grave incidente nella metropolitana. Molti passeggeri sotto shock, ma hanno rifiutato il ricovero. Il disastro, intorno alle 9.37. Un tamponamento tra due treni della linea A: uno era fermo nella stazione Vittorio Emanuele II, l'altro veniva da Anagnina. Per ragioni ancora sconosciute il treno che arrivava non si è fermato, ha urtato l'altro, la centralina elettrica è andata in tilt, si è scatenato l'inferno.

I vigili del fuoco hanno estratto dalle lamiere dei due vagoni distrutti il corpo di una donna, Alessandra Lisi, 30 anni, di Pontecorvo, in provincia di Frosinone, ricercatrice all'università. Faceva la pendolare, era partita dalla stazione di Roccasecca con il treno delle 6.05. E' morta sul mezzo che prendeva ogni giorno per andare al lavoro.

Subito tutti hanno temuto per la vita del macchinista del treno che ha tamponato. Viste le condizioni della sua cabina, c'erano poche speranze. L'hanno trovato e tirato fuori. Non sembrava grave, parlava. Ma, poco dopo, si è sparsa la notizia (da fonti del 118) che l'uomo era morto per le gravissime lesioni interne. Poi la smentita. Solo 10 giorni di prognosi per l'uomo che il pm Elisabetta Cericcola sta interrogando in ospedale per capire le dinamiche dello scontro.

Nei corridoi della stazione e nella piazza centinaia di persone sconvolte: molti sanguinavano, altri erano ancora intontiti dallo shock, altri ancora cercavano il telefono per avvisare subito i parenti. La paura era sul volto di tutti, perché il primo pensiero, quando nella metro si è sentito il fragore ed è piombato il buio, è stato quello di un attentato.

Il comandante dei vigili del fuoco di Roma, Guido Parisi, ha escluso il guasto elettrico. "Il quadro elettrico, la centralina non ha nulla a che vedere con quanto accaduto - ha detto il dirigente - allo stato dobbiamo parlare unicamente di tamponamento, sulle cui origini tocca ad altri pronunciarsi, ma di sicuro escludiamo problemi relativi alla centralina elettrica". Parisi ha inoltre aggiunto che nel giro di appena mezz'ora dall'incidente "tutte le persone ferite erano state soccorse e trasferite negli ospedali di zona".

Il ministro dell'Interno, Giuliano Amato, si è detto molto preoccupato per i feriti. A Milano per un convegno il ministro ha spiegato: "Non sappiamo molto sulla dinamica dell'incidente, qualcosa non ha funzionato nei sistemi di controllo automatici".

La soc
ietà Met.Ro ha fatto sapere che il traffico sulla linea A sarà ripristinato probabilmente domani mattina e ha categoricamente smentito le voci che prima dell'incidente ci fossero stati problemi alla linea elettrica. Il traffico automobilistico e dei mezzi pubblici di superficie in piazza Vittorio Emanuele è ripreso intorno alle 13.






Powered by Blogger
and Blogger Templates
Blog-Show la vetrina italiana dei blog!

Hit Counter
Hit Counter
BlogItalia.it - La directory italiana dei blog Directory Digtec TuTToGuide.net Sono membro della AM Blog directory OBSEXION.COM Visibilmedia 
web
The Safe city